Il raduno dei blogger arabi si tiene a Tunisi

E’ il primo incontro dei blogger arabi dopo la ‘primavera’ politica che ha risvegliato i popoli del Medio Oriente e del Nord Africa. E non a caso è proprio Tunisi, dove tutto è cominciato, a ospitare da oggi a giovedì 6 ottobre il ‘3rd Arab Bloggers Meeting’: decine di specialisti e protagonisti della rete a confronto per discutere di cyberattivismo, ruolo dei social media nella transizione democratica e prospettive future.

L’emiratino Sultan Al Qassemi (@SultamAlQassemi, seguito da un esercito di oltre 78mila follower su twitter); l’egiziana Manal Hassan (@Manal) che ha raccontato h24 la piazza Tahrir della rivoluzione; il libico Ghazi Gheblawi (@Gheblawi) che ha amplificato da Londra la voce dei ribelli della Cirenaica: sono solo alcune delle star della Rete presenti alla ‘Cité des Sciences’ nella capitale tunisina, dopo che i social media hanno dimostrato la loro importanza per i movimenti che hanno rovesciato il regime tunisino e quello egiziano, ma anche alimentato il retroterra culturale della rivoluzione armata libica.

Si tratta del terzo incontro dei blogger arabi – i precedenti si erano tenuti a Beirut nel 2008 e nel 2009 – e uno degli organizzatori, Malek Khadrawi amministratore del sito tunisino Nawaat, ha parlato di “un incontro eccezionale”. “Ci sono state tre rivoluzioni arabe e la maggior parte dei blogger coinvolti sono stati invitati – ha osservato Khadrawi in un’intervista alla France Presse – Qui avranno modo di incontrarsi di persona e sviluppare reti di solidarietà”.

Al centro delle discussioni (su twitter il meeting si potrà seguire con l’hashtag #AB11) ci saranno anche le tensioni politiche di questi giorni, dalla Siria al Bahrein, fino allo Yemen. C’è già chi ha denunciato l’assenza di una voce per la Palestina perché la Tunisia ha negato il visto ai blogger provenienti dai Territori che ne avevano fatto richiesta. Né si hanno notizie dei blogger yemeniti invitati.

Il coinvolgimento dei blogger in politica sarà comunque la traccia della maggior parte dei dibattiti, basti pensare che in Tunisia sette di loro si candidano alle elezioni del 23 ottobre. D’altronde il meeting si svolge mentre i nomi di alcuni blogger arabi come la tunisina Lina ben Mhenni o l’egiziano Wael Ghonim circolano addirittura per il Nobel per la Pace che sarà consegnato il 7 ottobre a Oslo.

Fonte: TM News3 ottobre 2011

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: