World Social Forum 2011 a Dakar – Lo sviluppo dell’Africa al centro della discussione

Al via oggi in Africa il World Social Forum 2011. Circa 60 mila i partecipanti attesi nella capitale senegalese Dakar, oltre 300 attività in programma ogni giorno, tanti i temi che verranno affrontati: dalla crisi economica, alla tutela dell’ambiente, la cooperazione Sud-Sud e il contributo delle religioni al progresso dell’umanità.

Un ruolo di primo piano sarà riservato proprio all’Africa e alla valorizzazione dell’agricoltura come strumento per uscire dalla crisi economica. Silvia Koch ne ha parlato con Mamadou Cissokho, leader dei movimenti contadini africani.

R – L’agricoltura familiare provvede all’85% di tutte le produzioni in Africa, quindi è un contributo molto consistente. Fino a oggi la maggioranza, più del 55% della popolazione, vive di queste attività. Quindi, qualunque cosa accada, qualunque cosa, l’alimentazione sarà sempre alla base della vita. Gli altri – gli Stati Uniti, l’Europa – hanno regolato la questione. E noi dobbiamo comprendere che la principale sovranità di una nazione è la sua alimentazione. Perché un popolo affamato, un esercito affamato, non può salvaguardare o difendere il proprio Paese.

D – Quale obiettivo vi ponete, in quanto società civile africana, per questo Social Forum di Dakar?

R – Mostreremo al mondo che l’Africa sarà opera degli africani, ovviamente in collaborazione con gli altri, ma nella consapevolezza che noi abbiamo la responsabilità di “quello che siamo” e di “ciò che vogliamo essere”, affinché le cose cambino.

D – Quali sono le soluzioni proposte dal Movimento contadino africano e su quali basi andrebbero rielaborate le relazioni economiche mondiali e la cooperazione internazionale.

R – Bisogna semplicemente riconoscere e creare le condizioni della modernizzazione dell’agricoltura, che non si faccia a discapito della giustizia. È essenziale che tutti i politici accettino e riconoscano la priorità dell’accesso dei nuclei familiari alla terra e alle risorse. Secondo elemento, che i politici smettano di “vendere l’Africa al mondo” attraverso l’apertura dei nostri mercati.

Non comprendiamo come è possibile che i capi di Stato africani non possano negoziare meglio la protezione della nostra produzione agricola. Il terzo elemento è la problematica dell’ambiente. Tutti sanno che lo sfruttamento delle risorse minerarie distrugge milioni di ettari, e noi ci sentiamo frustrati nel constatare che la maggioranza dei progetti e dei programmi sono discussi fuori dai nostri Paesi. Questa non è cooperazione.

Noi chiediamo che le ricchezze del mondo siano ben ripartite, non per “donazione” ma in quanto retribuzione per un servizio offerto. Chiediamo l’equità nella ripartizione dei budget, il rispetto delle organizzazioni contadine, la mobilizzazione di tutta la società per elaborare programmi di sviluppo condivisi, negoziati e co-gestiti. Infine, è ugualmente essenziale salvaguardare la biodiversità e la nostra identità, perché l’essere umano non può vivere senza valori culturali.

Fonte: Radio Vaticana6 febbraio 2011

File audio in formato Real

File audio in formato Mp3

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: