Caserta, una Notte Bianca per l’Africa

Dalle 20.30 di martedì musica e incontri. Il ricavato in beneficenza all’associazione I bambini di Ornella
CASERTA – Caserta e l’Africa, un legame forte. A causa della forte presenza di immigrati dal continente, del martirio di Jerry Masslo nell’89 e la strage di Castel Volturno nel 2008. Come a onorare mamma Africa poi, Miriam Makeba alias «Mamma Afrika» che portando la sua musica trovò la morte proprio a Castel Volturno stanotte una Notte Bianca per l’Africa, la prima si terrà a Caserta, presso il Black Cat.

Dalle 20.30 una serata di musica, divertimento e impegno solidale per contribuire alle attività dell’Associazione I Bambini di Ornella che opera in Senegal per la cura e l’alfabetizzazione dei bambini. La manifestazione patrocinata dal Comune di Caserta e promossa da Angelo Agnisola per CasertaMusica & Arte e dal Black Cat di Caserta, porta sul palco del noto locale tanti musicisti, artisti, e rappresentanti del mondo associazionistico, per disegnare a più mani un’opera: l’«Opera Semplice».

Con i balli e i canti anche momenti di riflessione: si parte con la proiezione del documentario «InCanto d’Africa» e con l’intervento del coro dell’Istituto Ruggiero di Caserta diretto dal maestro Ricciardi. In rappresentanza dell’Isiss Manzoni di Caserta si esibiranno, a seguire, gli Hopesound, band nata in seno all’Istituto e che ha partecipato alla realizzazione del video girato in Senegal.

Dopo sarà il turno dell’Orchestra Popolare Casertana, testimonial della serata, che con la sua allegra carovana di musicisti invaderà la serata di energia positiva e infine la performance «musical-teatrale» «InCanto d’Africa» offerta dagli Inciucia e dai Satura Lanx del giovane attore Giuseppe Grillo.

La lunga notte bianca proseguirà con l’inedito trio «Casertani in Vacanza» composto da Pasquale Ziccardi, Agostino Santoro e Marco Sfogli che proporrà un rifacimento in musica di favole africane e con il mix di contaminazione musicale dei Kalifoo Ground, band che unisce artisti italiani e artisti immigrati africani.

Spazio anche allo spettacolo musicale dei Queen of Bulsara (tribute band ufficiale dei Queen in Campania) che offrirà in versione integrale il mitico set che i Queen interpretarono al «Live aid». Si proseguirà con le sonorità electrodance degli Sha’ Dong prima di lasciare il passo ad una grande jam session finale e ai dj set.

A margine della serata sono previsti numerosi momenti artistici con la mostra fotografica «Les Enfants d’Ornella» di Nicola Tranquillo, con l’esposizione di oggetti artigianali africani, interventi, ospiti, e con l’istallazione di una grande tela bianca che tutti i partecipanti alla manifestazione potranno colorare sotto la guida dell’artista Giovanna D’Amico.

L’ingresso alla Notte Bianca è libero con contributo volontario (ogni cinque euro sarà data in regalo una copia del libro «InCanto d’Africa») e il ricavato della manifestazione sarà devoluto all’Associazione «I Bambini di Ornella» per le sue attività nel centro di accoglienza per bambini in Senegal.

Fonte: Corriere del Mezzogiorno.it7 dicembre 2010

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: