Apicoltori abruzzesi esportano le loro conoscenze in Africa

I due abruzzesi di Civitella Alfedena (L’Aquila), Guido Rossi e Jessica D’Andrea, hanno concluso la prima fase del progetto “Bee Together” (api insieme) a Pomerini, piccolo villaggio sull’altopiano di Iringa in Tanzania, in qualità di aderenti alla Tulime onlus impegnata per lo sviluppo del distretto di Kilolo in Tanzania.

Partiti il 26 agosto con le loro figlie hanno portato attrezzature da consegnare agli apicoltori locali e messo a punto dei protocolli operativi di base per fare in modo che questa fonte di reddito per le popolazioni locali possa essere ampliata.

In particolare è emerso che gli apicoltori locali di fatto “predano” le arnie a causa della scarsa conoscenza dei fattori per cui le api producono il miele e che anche il posizionamento non in verticale delle arnie stesse preclude al corretto attingimento dei favi poiche’ vengono costruiti dal prezioso insetto in maniera disordinata e quindi ostruiti dalla cera.

Gli stage organizzati nei villaggi hanno permesso di accertare che gli sciami di “mellifera scutellata”, api del posto, di notte non pungono e che il fumo troppo caldo impiegato per allontanarle finisce per renderle piu’ aggressive.

“E’ bastato mettere delle foglie verdi sui carboni ardenti – spiega Jessica – per raffreddare il fumo e quindi evitare disturbo per le api. Questo semplice accorgimento e’ bastato a facilitare la vita degli apicoltori dell’Africa dell’est”.

Fonte: Abruzzo Web04 Novembre 2010

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: