Iveco lancia a Luanda il suo nuovo modello di camion esclusivo per l’Africa

La concessionaria automobilistica italiana, Iveco, ha avviato oggi, venerdì, a Luanda, il lancio ufficiale, sul mercato angolano, di diversi veicoli pesanti modello Trakker H 2010, fabbricate nel 2009, esclusivamente per il continente africano e per terreni irregolari.

Tra le altre novità, questo modello possiede una tecnologia “Anglo-sassone-hard”, aria condizionata di serie e motore cursore 13, “DNA off-road”, telaio super-robusto, con trave di acciaio speciale di dieci millimetri di spessore e disegno più alto e rigido, rispetto a quelli usati in strada.

Allo stesso modo, l’IVECO Trakker H è munito di paraurti anteriori in acciaio tripartito, assi posteriori di ferro fuso, con riduzione nei cubi, di capacità pari a 16 tonnellate di PBT (peso lordo totale), e la sospensione della cabina è di quattro punti con molle elicoidali.

Un’altra prerogativa della meccanica di questo nuovo modello è il suo motore moderno, insieme al cambio è il più economico della sua categoria, con 12,8 litri olio, sei cilindri, quattro valvole per cilindro e coordinamento elettronico.

I freni sono ad aria compressa nelle sei ruote, tipo S-scam, con circuito indipendente (anteriori e posteriori).

Secondo il Direttore generale della Vecauto, LDA – rappresentante ufficiale della marca Iveco in Angola, Filipe Mendes de Almeida, la vettura Trakker H è uno dei camion di maggiore successo di questo modello in tutto il mondo , grazie al suo “DNA” di puro “off-road”, capace di superare ostacoli apparentemente impossibili, anche con carico a seguito.

Inoltre questo veicolo si conferma definitivamente in un notevole settore del mercato di camion, poiché fabbricato per un ambiente specifico, dove resistenza e resa sono fattori fondamentali, oltre la sua capacità di soddisfare i servizi di trasporti richiesti in settori complessi.

Il responsabile ha asserito che si tratta di camion adatti a settori quali la produzione di canna da zucchero, attività mineraria, costruzione civile, industria del legname e della cellulosa.

In una prima fase, ha informato, sono disponibili per l’Angola 65 camion di modello basculante, cavallo-meccanico e betoniera, con configurazione 4×2, 4×4, 6×6, 8×4 e 8×8, dei modelli 420/440.

A sua volta, anche l’Ambasciatore dell’Italia in Angola, Giuseppe Mistretta, si è dimostrato totalmente soddisfatto, affermando che il lancio dell’Iveco Trakker H a Luanda, riflette la volontà degli italiani di continuare a investire nel Paese come contributo allo sviluppo e alla ricostruzione nazionale.

Il diplomatico ha evidenziato le qualità del veicolo riferendo che si tratta di “una macchina fabbricata appositamente per l’Africa date le sue caratteristiche che lo rendono adatto a terreni e condizioni climatiche complicate o difficili presenti nella maggior parte dei Paesi di questo continenteparticolarmente in Angola, partener indiscutibile dell’Italia”.

La cerimonia di presentazione del nuovo modello dell’Iveco, avvenuta presso lo stabilimento della VECAUTO, ubicato al Kilometro 23 del comune di Viana, ha visto presenti i responsabili dell’Ambasciata di Italia in Angola, di concessionarie e di aziende edili.

Fonte: Ambasciata dell’Angola7 giugno 2010

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: