In Mali, le infibulatrici cambiano lavoro

La campagna contro le mutilazioni dei genitali femminili ha registrato un primo ma significativo risultato nel Mali. Le donne che nel sud del Paese esercitavano il mestiere di «infibulatrice» hanno deciso di abbandonare l’attività. È la riposta a una campagna anti-infibulazione condotta da un organismo locale, il ‘Coordinamento delle associazioni e organizzazioni femminilì. Le conseguenze negative della pratica dell’infibulazione sono state spiegate in una serie di incontri svoltasi a Nianaso. Sono stati proiettati filmati che illustravano le complicazioni e le conseguenze di questi interventi, dalle emorragie alle mestruazioni dolorose fino alle morti improvvise. Secondo una dirigente del Coordinamento, la situazione in Mali «è in via di miglioramento e la gente comincia a essere più consapevole».

Fonte: Africa Blog Sole 24 Ore – 14 aprile 2010

Autore: Riccardo Barlaam

2 Risposte

  1. Bel blog e bel post davvero =)

    Per non dimenticare: un valido spunto di riflessione!

    E soprattutto per fermare la barbarie, attiva/mente!

    Spero avrai modo di ricambiare la visita sul nostro blog:

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/06/mutilazioni/

  2. Fatto. Niente male! Continuate a leggerci! 😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: